Artemisia Gentileschi donna emblema del ‘600 al Centro Anziani di San Donato Milanese

Artemisia Gentileschi donna emblema del ‘600 al Centro Anziani di San Donato Milanese

  • Arte
  • Non ci sono commenti
  • 2minuto

Giovedì 12 maggio alle ore 20.30 il critico d’arte, nonché giornalista e scrittore, Luca Frigerio ha tenuto una serata incentrata sull’arte e la donna nella sala Polivalente del Centro Anziani di San Donato Milanese. Frigerio ha ripercorso le tappe saliente di una delle pittrici più affermate del ‘600: Artemisia Gentileschi. Con grande trasporto ha introdotto l’artista proiettando in sala alcuni dipinti di Artemisia, spiegandone la genesi e soffermandosi su alcuni dettagli. Come è emerso dalla presentazione di questa formidabile donna e pittrice, la sua intraprendenza l’ha portata molto lontano. È riuscita a farsi celebrare ancora in vita, è stata infatti una delle poche donne ad ottenere questo grande e meritato riconoscimento. Le sono stati commissionati dei lavori pubblici affiancando i più noti pittori uomini dell’epoca. Ha avuto un rapporto di stretta amicizia con Galileo Galilei che ha influito su alcune delle sue opere. Attraverso le sue produzioni si percepisce un’attenzione particolare ai giochi di luci ed ombre, ai corpi umani e all’aspetto psicologico che l’hanno portata a contraddistinguersi nel mondo artistico.

La serata si è conclusa con un saluto personale e speciale di Frigerio dedicato a questa splendida artista: «Artemisia…miracolo della pittura, più facile da invidiare che da imitare!».

L’incontro su Artemisia Gentileschi rientra nell’evento “Le signore dell’arte” ed è stato organizzato dalla cooperativa sociale Spazio Aperto Servizi in collaborazione con il Centro Anziani del Comune di San Donato Milanese.

Il prossimo appuntamento si terrà il 26 maggio alle ore 20.30 sempre in via della chiesa 3, Sala Polivalente, e verterà sul tema “Le donne ritratte a Milano” a cura di Francesco Mezzotera.

Per info e prenotazioni: eventi@spazioapertoservizi.org – 388.5668846

 

 

 

Ti potrebbe interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.