La bella storia di Paolo Moro: dalla mansarda all’apertura di una palestra

La bella storia di Paolo Moro: dalla mansarda all’apertura di una palestra

Paolo Moro, classe 1996, ha un sogno che coltiva da tempo. Fin dall’infanzia è sempre stato un appassionato di sport. Per lui l’attività fisica era una vera valvola di sfogo e fonte di benessere psico fisico. A seguito di alcuni disturbi fisici è nato un interesse per tutto ciò che riguarda la cura del corpo.
Terminati gli studi superiori ha frequentato un corso di Massoterapista (MCB) e in contemporanea ha conseguito il diploma di Personal Trainer Issa Europe. Infine, ha frequentato un corso per diventare Functional Trainer. L’approccio con gli studi avanguardistici americani è stato illuminante e decisivo nella sua carriera: è stata l’azione scatenante per arrivare alla decisione di aprire un’attività in proprio nell’ambito della salute.
Non è stato semplice avviare tutto l’iter burocratico, ma con molta tenacia e caparbietà Paolo ha iniziato a costruire il suo sogno, mattone dopo mattone. La palestra nasce nella mansarda di casa a Pantigliate, uno spazio allestito interamente al benessere. Sicuramente il fatto di svolgere qualcosa che piace aiuta a dare il meglio, a cercare ogni giorno un modo per migliorarsi, per ottenere sempre nuovi risultati.
All’inizio i clienti non erano molti, ma il passaparola e i ritorni positivi dalle persone che segue costantemente gli hanno allargato gli orizzonti. Durante la pandemia non si è dato per vinto, ha infatti affinato degli allenamenti mirati a distanza, tramite piattaforma. Ha poi cercato nuovi collaboratori, Matteo, Gabriele, Jacopo e Mike sono i suoi bracci destri da tempo.
Ora Paolo si appresta al passo più importante: una nuova palestra prenderà forma a breve, nella primavera a Peschiera Borromeo. Da personal trainer Paolo è diventato un imprenditore che gestisce dei collaboratori, verifica modi e tempi, organizza gli allenamenti e segue ogni dettaglio burocratico della nuova struttura. Il tempo non è mai a sufficienza quando si lavora in proprio ma la perseveranza è un’ottima alleata.
Il motto di Paolo è: «Forte senza dolore». Il suo messaggio è di speranza soprattutto dopo un trauma fisico quando, a seguito della fisioterapia, ci si può riscoprire ancora forti, sia fisicamente che mentalmente, senza più la paura di sentire il dolore.
La testimonianza di Paolo dimostra che credere ai sogni può far nascere delle belle storie.

Ti potrebbe interessare

OrtoChic: un progetto di riqualificazione e sostenibilità a San Bovio

OrtoChic: un progetto di riqualificazione e sostenibilità a San…

Daniela Di Matteo, residente a San Bovio, appassionata di fiori e piante da sempre, è riuscita a realizzare un progetto che…
“DialogArte”: il territorio e la sua creatività

“DialogArte”: il territorio e la sua creatività

L’arte al servizio della comunità. È questo il leitmotiv del carosello artistico che domenica 29 maggio, dalle ore 10 alle 20,…
La data zero di Michele Bravi a Peschiera Borromeo

La data zero di Michele Bravi a Peschiera Borromeo

Michele Bravi ha incantato gli spettatori della sala del Teatro Oltheatre nella serata di giovedì 12 maggio. Il cantante ha optato…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.