Douja d’Or. Asti, capitale del vino dal 1967

    Douja d’Or. Asti, capitale del vino dal 1967

    Una full immersion tra sapori e arte. Appena conclusa, “Douja d’Or 2022” conferma questo connubio irresistibile e lo rinnova in una forma ancor più soave e accattivante. Si tratta di evento immancabile per la città di Asti, una tra le città simbolo del vino e dell’enogastronomia, non solo nel Monferrato. Per dieci giorni consecutivi, le porte del centro sono state spalancate per permetterci di far parte di una comunità in festa che celebra il vino e l’intero contorno culturale.

    Dal 1967 Asti rinnova con orgoglio un appuntamento che caratterizza un incontro con i sapori tradizionali piemontesi dove, al centro, si staglia un grande protagonista, vanto italiano di copiosa esportazione estera, il vino. Simbolo del territorio, si è voluto diffonderne qualità e valori culturali per essersi guadagnato un nome tra i migliori del panorama di produzione vitivinicola.

    Gli appassionati dei buoni calici hanno colto una grande occasione per scivolare nelle più profumate esperienze sensoriali. Per l’intera manifestazione sono stati messi a disposizione i live tasting, le masterclass, e contatti diretti con un’immensa arte enogastronomica che dal vino ha esteso i propri confini in un impegno dettato dal desiderio di mostrare una città con delle perle tutte da scoprire.

    Ti potrebbe interessare

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.