Il sangue è vita!

    Il sangue è vita!

    Come può la scuola promuovere solidarietà, prevenzione alla salute e cittadinanza attiva? Sensibilizzando gli studenti alla donazione di sangue. Ed è quello che hanno fatto Ministero dell’Istruzione e Avis siglando un nuovo protocollo d’intesa a fine 2021 e valido per tre anni.

    Ma oggi, qual è il rapporto tra adolescenti e donazione di sangue? La pandemia ha favorito il senso di solidarietà o, al contrario, ha alimentato diffidenze e paure verso un gesto semplice e sicuro quale la donazione di sangue? Qualche risposta ci arriva dalla ricerca del 2021 “Indagine nazionale sulle abitudini di vita degli adolescenti” condotta dall’istituto di ricerca IARD e dall’associazione Laboratorio Adolescenza.

    Dall’indagine, che ha visto il coinvolgimento di 10.500 adolescenti italiani tra il 12 e i 19 anni, emerge un quadro fortemente ambivalente: in linea teorica gli adolescenti pur essendo maggiormente convinti che donare sangue è un gesto importante di altruismo e solidarietà (93% di risposte rispetto all’88% dell’indagine pre-Covid del 2019), manifestano, poi, poca propensione a diventare donatori in futuro (solo il 13% degli intervistati). Effetto Covid? Probabile, visto che, alle domande successive, il 18,6% afferma che la donazione del sangue «si effettua sempre in totale sicurezza indipendentemente dal Covid-19», mentre il 44,7% è convinto che «bisogna fare molta più attenzione nelle strutture dove si dona il sangue».

    Ed è proprio dalla rassicurazione e dal senso di sicurezza che bisogna ripartire, per far sì che i più giovani si avvicinino al mondo della donazione, ed il protocollo tra Ministero e Avis è il segno più tangibile di questo impegno.

    L’Avis, principale associazione di volontariato del sangue italiana, conta circa 3.400 sedi, ha al suo attivo oltre 1.300.00 soci e, annualmente, contribuisce a circa il 70% del fabbisogno nazionale di emocomponenti. Da anni, i suoi volontari entrano nelle scuole italiane per avvicinare i ragazzi più giovani al tema del donazione e della solidarietà umana.

    Un  esempio è l’appuntamento annuale che l’istituto scolastico Vincenzo Benini di Melegnano organizza con i volontari dell’Avis Comunale, coinvolgendo gli studenti delle classi 4^ e 5^ in un virtuoso percorso di sensibilizzazione e informazione: «Perché donare, chi può donare, come e dove si dona, la sicurezza e i controlli sugli emocomponenti» ed altro ancora.

    Un ultimo dato: il 30 aprile scorso, a Lodi, si è tenuta la 51° assemblea regionale di Avis Lombardia. I numeri di donazioni e donatori sono tutti in crescita, seppur ancora lontani dalla tanto sperata autosufficienza. Tra i nuovi donatori (fascia 18-25 anni) si segnala un incremento di un punto percentuale. Un buon segnale per risalire la china!

     

    Ti potrebbe interessare

    Le macchine da scrivere e da calcolo di Tommaso Ricciardi, grande collezionista di Melegnano

    Le macchine da scrivere e da calcolo di Tommaso…

    Tommaso Ricciardi custodisce una collezione di oltre 60 macchine da scrivere e da calcolo, raccolte nel corso della lunga carriera professionale…
    La foto inclusiva di Mattia Rozzi

    La foto inclusiva di Mattia Rozzi

    Si è svolta il 30 maggio scorso la premiazione del contest fotografico “Mattei Photo Award 2022”, concorso indetto dall’omonimo Istituto di…
    Hinterland, una call per Guido Canella

    Hinterland, una call per Guido Canella

    Seguiamo l’evolversi del progetto “Hinterland, architetture ibride per teatri impropri” che vede coinvolto il teatro cittadino di Peschiera e l’associazione Oltheatre…

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.