Notre Dame de Paris. Vivere per amare

Notre Dame de Paris. Vivere per amare

  • Eventi
  • Non ci sono commenti
  • 2minuto

Giovedì 3 marzo. Il Teatro degli Arcimboldi ha illuminato il cielo di Milano di stelle dai mille colori. È riesplosa l’energia del cast originario di Notre Dame de Paris, con la medesima e straordinaria compagnia di professionisti che ci ha fatto innamorare del musical più intenso di tutti i tempi. Rivederli riuniti, compatti, in una magica simbiosi ancor più matura, profonda e convincente: è un’esperienza da brivido. La prima di questo tour italiano ha davvero trionfato su ogni aspettativa. Lo sa chi ha assistito allo spettacolo la notte scorsa, perché difficilmente sarà riuscito a cadere tra le braccia di Morfeo.

È stato mantenuto tutto il pacchetto di promesse espresse dai produttori, Vivo Concerti, David Zard, Charles e Nicolas Talar. Un vero concerto di emozioni che spara dritto al cuore e non si dimentica. La conturbante sensualità della gitana Esmeralda, Lola Ponce, bellissima guerriera che avanza imperturbabile tra gli ostacoli dei ciechi pregiudizi razziali; l’emblematica personalità di Quasimodo, Giò Di Tonno, il gobbo storpio destinato a lasciar tramontare i suoi sentimenti, vittime irreversibili di una natura crudele che tutto toglie e nulla concede; il controverso animo peccatore di Frollo, icona metaforica della potente pretesa religiosa, colpevole dell’inganno umano.
Lo strazio viene cantato senza pause, tra giochi iperbolici di ballerini eccezionali. Anime e corpi che danno voce a un dramma sempre attualissimo: la disuguaglianza in tutte le possibili declinazioni.
Notre Dame de Paris ritorna con una forza straordinaria: incisiva ma sempre sensibile, dirompente benché fragile. Si esprime con il linguaggio eterno dell’amore. L’amore più vero, quello tragico, disperato, che sconfina i dogmi religiosi, scuote gli schemi tradizionali obnubilati dall’intolleranza, mettendosi a nudo. Centoventi minuti di reboante coinvolgimento che riporta in auge, senza troppe riverenze, un musical che ha appena alzato il sipario e già programma nuove date. Si lascia aperto il calendario perché l’atmosfera di quella Parigi, strabordante di pathos, possa cavalcare le scene dei nostri teatri e riempire ancora i nostri cuori.
Un inno all’amore che commuoverà sempre. Il Maestro Cocciante lo ricorda: “Vivere per amare, amare quasi da morire, morire dalla voglia di vivere”.
 

Ti potrebbe interessare

In arrivo il Salone del Mobile,  giunto alla 60° edizione

In arrivo il Salone del Mobile, giunto alla 60°…

Dal 7 al 12 giugno, presso Fiera Milano Rho, si svolgerà la 60a edizione del Salone del Mobile. Milano, un traguardo…
Michele Bravi e Oltheatre insieme verso il successo

Michele Bravi e Oltheatre insieme verso il successo

Michele Bravi ha scelto Peschiera Borromeo come trampolino di lancio del suo nuovo tour nazionale “Live a teatro”. La collaborazione instaurata…
Michele Bravi sceglie Peschiera Borromeo

Michele Bravi sceglie Peschiera Borromeo

Michele Bravi annuncia la data zero del suo nuovo tour nazionale, che si terrà giovedì 12 maggio sul palco di Oltheatre,…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.