Torna Vasco Rossi a Milano, ed è energia pura.

Torna Vasco Rossi a Milano, ed è energia pura.

Dopo 2 anni di forzato stop a causa del covid, finalmente il Blasco nazionale è approdato a Milano. Ad attenderlo, all’Ippodromo La Maura, c’erano 80mila fan carichi di energia, arrivati da più parti d’Italia. Nemmeno la pioggia torrenziale e il vento fortissimo, iniziati dalle 18,00 in poi, hanno frenato la voglia di stare insieme e ascoltare la musica del Capitano, da troppo tempo costretto a stare lontano dai palchi. E lui, come sempre, non li ha delusi.

Ecco una breve cronaca dell’evento.
Il concerto inizia alle 21,00, graziato da una pausa del temporale, con “XI comandamento” e subito dopo Vasco saluta il suo pubblico, visibilmente emozionato, ma il primo coro parte con “Ti prendo e ti porto via”.

Il legame tra il cantante e i suoi fan è fortemente palpabile, tanto che, al termine di ogni pezzo, il pubblico lo acclama con le parole di sempre: «olè olè olè olè, Vasco Vasco». «Ci siete? Non piove più!», dice Vasco al microfono. Ma la pioggia non è più nei pensieri della gente, quando parte “Un senso” e il coro sembra superare in volume la musica stessa.

Molto interessanti sono gli arrangiamenti, con un trio di fiati che a tratti regalano un’atmosfera funky di grande gusto e molto belli, come sempre, anche gli assoli di chitarra di Stef Burns e Vince Pastano.

Il concerto prosegue con un’alternanza di ballate e pezzi rock, mentre sotto il palco si vedono scene degne di un concerto dei Beatles, con fan che cantano, saltano, e lanciano indumenti intimi. Poi prosegue con “Tu ce l’hai con me”, “C’è chi dice no”, “Gli spari sopra”, ”Rewind” e “Delusa”, brani che hanno segnato la storia del pop rock italiano e che sono stati condivisi da almeno tre generazioni, diventando parte del vissuto di chi le ascolta.

Vasco fa anche un riferimento a ciò che accade in Ucraina e lancia un invito alla pace, raccogliendo gli applausi dei presenti.

Per il gran finale vengono eseguiti i brani storici come “Siamo solo noi”, “Vita spericolata” e soprattutto “Albachiara” di cui Vasco non fa nemmeno in tempo a intonare il primo verso che tutti sono già partiti prima di lui. Il tutto si conclude con un tripudio di fuochi artificiali.

Il tour proseguirà il 26 giugno ad Ancona e il 30 giugno a Torino

Ti potrebbe interessare

La Piccola Orchestra dei Popoli in concerto con il “Violino del Mare”

La Piccola Orchestra dei Popoli in concerto con il…

Mercoledì 15 giugno, a San Giuliano Milanese, è in programma il concerto della “Piccola orchestra dei popoli” presso la sede dell’Associazione…
Grande show a San Siro con Cesare Cremonini

Grande show a San Siro con Cesare Cremonini

Un racconto di vent’anni di carriera e di vita il grande concerto sold out di Cesare Cremonini allo stadio San Siro…
Il jazz senza filtri di Karima. Al Blue Note le fulgide note del suo nuovo album

Il jazz senza filtri di Karima. Al Blue Note…

Rapiti, trasognati, sedotti dalla voce limpida e suadente di Karima. Al Blue Note si esce così, travolti da un uragano di…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.